Skip to content

Ci ha lasciato Gina Pratesi, la grande animatrice del “Comitato per la difesa dell’uso pubblico e sanitario dell’ex sanatorio Banti”

11 luglio 2012

Ieri mattina, all’età di 87 anni, ci ha lasciato la pasionaria delle battaglie per l’ex sanatorio Banti, Gina Pratesi, infermiera professionale, promotrice già dal lontano 1996 di una petizione (testo allegato) al ministro della Sanità: “L’ospedale-sanatorio Banti sia restituito alla tutela della salute”.

Appoggiata da un piccolo gruppo di affezionati e combattivi cittadini che con lei hanno fondato il Comitato per il Banti, Gina Pratesi ha raccolto sotto questa petizione con le sue forze, con la sua pervicace determinazione, grandissima parte delle circa 8.000 firme di cittadini che hanno voluto condividere l’obiettivo del recupero pubblico dell’ex sanatorio dell'”aria bona”, e del suo splendido parco.

Da un certo punto in poi, anche Idra ha sostenuto la battaglia per il Banti (qui l’ultima testimonianza nei comunicati stampa dell’associazione), e insieme a Gina Pratesi e agli altri animatori del Comitato ha provveduto a presentare quelle firme, e a chiederne il rispetto, in tutte le possibili sedi istituzionali: Governo, Prefettura, Comuni, Provincia, Regione, Azienda Sanitaria, Soprintendenza per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico.

 

Della vicenda si è occupata anche RaiUno, che il 20 settembre 2008 le ha dedicato un servizio, “Toscana – Immobile sanità?”, a cura di Elisabetta Barozzi.

 

Il Banti è ancora lì, abbandonato e inutilizzato. Ma un risultato importante l’ha ottenuto, la mobilitazione promossa da Gina Pratesi. Il più recente protocollo d’intesa sottoscritto il 18 giugno 2012 dalla Regione Toscana, dall’Azienda Sanitaria di Firenze, dal Comune di Vaglia e dalla Società della Salute Zona fiorentina Nord-Ovest prevede, sì, l’alienazione della struttura (con procedure ad evidenza pubblica), ma vincolandola ad un uso socio-sanitario.

 

Oggi, alle Cappelle del Commiato di Careggi, e domani mattina, per il funerale, alla Pieve di Cercina (Sesto Fiorentino, in collina), l’ultimo saluto a Gina Pratesi.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: